lunedì 25 novembre 2013

SAPONE LIQUIDO (con idrossido di sodio)

Per fare il sapone liquido ci vuole tanta pazienza!! 

Dopo l'incoraggiante premessa aggiungo che in questa ricetta ho usato l'idrossido di sodio (soda caustica) invece dell'idrossido di potassio (potassa), una piccola sfida molecolare. 
Perchè è l'idrossido di potassio che rende il sapone liquido. (vedi ricetta sapone liquido base)
Per fare i saponi solidi solitamente usiamo l'idrossido di sodio, mentre le molecole dell'idrossido di potassio sono più grandi ed è per questa differenza di dimensioni che permette al sapone di rimanere allo stato liquido. 

Nonostante conoscessi questa differenza, due anni fa feci qualche esperimento con l'idrossido di sodio (sinceramente fù perchè non trovavo da nessuna parte l'idrossido di potassio) e provando e riprovando mi scappò fuori qualcosa di accettabile. Ma non ero del tutto soddisfatta. 
Non convinta dei tensioattivi in generale e non soddisfatta dei saponi solidi grattugiati e poi sciolti in poltiglia "bobbosa" che in breve tempo si separa, trovai l'ispirazione da qualcuno che condivideva le mie stesse idee.
Entusiasta provai nuovamente con l'idrossido di sodio. 

Tecnicamente con questo metodo facciamo un sapone solido e poi lo sciogliamo, ma la differenza è che  non aspettiamo che indurisca per il tempo di maturazione e lo rendiamo liquido prima che si accorga di non essere un sapone solido. Si guadagna tempo, si può usare fin da subito e non si separa. 
Nel sito Gli Alchimisti, dove ho preso l'ispirazione personalizzando la ricetta, spiegano che si può usare fin da subito senza lasciarlo in posa perchè le particelle libere di soda in eccesso si liberano durante la bollitura della diluizione del sapone.  

Riguardo al PH dall' 8 al 7,5 è da sfatare il condizionamento che abbiamo per i detergenti liquidi con ph acido, grazie al consumismo di prodotti lavanti tutti con tensioattivi e conservanti che di naturale non hanno niente. 
Un ph basico non ha bisogno di conservanti, dura anche oltre il tempo necessario per consumarlo, e non crea nessun problema alla pelle, lava naturalmente lasciandola morbida e pulita. I nostri antenati lo usavano tranquillamente, il problema siamo noi che abbiamo costruito sulle cose semplici delle inutili congetture.

Vi assicuro che appena vedrete il vostro primo sapone liquido, tutta la pazienza per farlo sarà premiata, avrete grandi soddisfazioni.......e in seguito vi insegnerò a farlo con la potassa (sì, alla fine l'ho trovata) ^_^

Sapone liquido idratante (con idrossido di sodio)

Ingredienti:
  • 125 gr di Olio di Oliva
  •   50 gr di Olio di Ricino
  •   50 gr di Olio di Germe di Grano
  •   25 gr di Olio di Mandorle Dolci
  •   31 gr di Idrossido di Sodio (sconto 8%)
  •   90 gr di Acqua demineralizzata per la soluzione di soda
  • 1000 gr di Acqua demineralizzata per la diluizione della pasta sapone
  •   20 gr di Miele liquido
  •   20 gr di Fragranza o oli essenziali a piacere

Procedimento:
  • In un contenitore preparate la soluzione di soda e mettete da parte.
  • Preparate due pentole per cuocere il sapone a bagno maria e iniziate a scaldare l'acqua, pesate gli oli e metteteli nel pentolino. 
  • Quando le due miscele, di soda e di grassi, raggiungono entrambe la temperatura di circa 45-43° togliete il pentolino con l'olio dal bagnomaria e unite la soluzione di soda mescolando con un cucchiaio di legno e poi con il Minipiner fino a che la miscela non raggiunge un nastro solido e compatto (circa 20 minuti di mixer). 
  • Rimettete la pentola con il composto nel bagnomaria, coprite con un coperchio e lasciate cuocere per circa 2 ore girando ogni 30 minuti circa il sapone che nel frattempo cambierà di consistenza in più fasi diventando dapprima come una purea di mele, poi sempre più compatto come fosse una purea di patate, poi gelatinoso e infine come una vasellina traslucida. 
  • La pasta sapone è pronta quando ha un aspetto simile alla vasellina e in questo caso il test di prova si può fare prendendo una pallina di sapone tra le mani, rotolatela tra le dita fin quando si fredda e verificate che sia solida-opaca e che non appiccica. 
  • Quando il sapone è cotto spegnete il fuoco, toglietelo dal bagno maria e unite l'acqua per la diluizione, precedentemente bollita, poi mescolate senza schiumare troppo e rimettete la pentola sul fuoco per 1 ora circa a fiamma bassissima con un coperchio semi chiuso (altrimenti trabocca dalla pentola) e se notate che è troppo denso aggiungete altra acqua bollente a piccole dosi senza esagerare. 
  • Quando la pasta sapone sarà tutta sciolta allo stato liquido, lasciatela intiepidire e unite il miele, la fragranza e il colorante a piacere, altrimenti lasciate il sapone con il suo odore e colore naturale come ho fatto io. 
  • Non preoccupatevi se vi sembra di consistenza semi liquida, deve essere così, dopo che lo avrete fatto raffreddare e travasato nei dispenser, con il passare delle ore si condenserà di più. 
  • Riguardo al PH e le dispersioni di particelle libere di soda, ho scritto sopra nella premessa che si può usare fin da subito perchè le ha liberate con la doppia bollitura, quindi non necessita di tempi lunghi di maturazione se misurandolo il ph è inferiore a 9. Il ph del sapone si misura mettendo una piccola quantità nell'acqua, far schiumare e appoggiare la cartina tornasole sulla schiuma. Aspettate qualche giorno di maturazione  se supera i valori. 
  • Sembra che funzioni, è idratante e delicato, schiuma al punto giusto grazie all'olio di ricino e lava, sì lava e lascia la pelle morbida e idratata. 

 

    

sabato 23 novembre 2013

DIECIMILA......RINGRAZIAMENTI ! !


Oggi voglio ringraziare tutti, non solo uno o due o tre o quattro ma 10000 grazie per le inaspettate visite ricevute sul mio blog. 
Grazie a tutti gli amici che mi conoscono e sopportano anche nella vita di tutti i giorni, a chi mi ha conosciuto tramite il blog e condivide le mie stesse passioni, grazie a tutti quelli che trasmesso le mie piccole esperienze, grazie a chi è entrato per caso curiosando tra una pagina e l'altra trovando qualcosa di interessante oppure no.....

Vi abbraccio tutti con un grande sorriso lasciandovi la promessa che prima o poi, da ognuno di noi, in un giorno qualunque, dalle nostre mani nascerà un capolavoro.

domenica 17 novembre 2013

MASCHERA DERMO-RINNOVANTE

Questa bella maschera è venuta un capolavoro e sono fiera di farvela conoscere!!
Si spalma meravigliosamente e non si secca completamente sul viso, lasciando le classiche crepe dovute all'argilla, è esfoliante e rinnovante ed elimina le cellule morte conferendo alla pelle la morbidezza e l'idratazione  perduta.

Stendetela sul viso evitando il contorno degli occhi e della bocca, saranno 10 minuti di relax per la pelle e per lo spirito, e poi eliminatela con acqua tiepida aiutandovi con una spugnetta morbida.
In queste fredde giornate d'inverno vi avvolgerà con delicati aromi caldi e vi lascerà sulla pelle l'effetto che avete sempre desiderato........provate per credere!!

Maschera dermo-rinnovante
        
Dose per 100 gr di prodotto finito - metodo O/A

Fase A:

  • 45,0 gr di Acqua demineralizzata
  • 30,0 gr di Caolino (argilla bianca)
  •   5,5 gr di Glicerina
  •   0,2 gr di Xantana trasparente
  •   0,3 gr di Acido Malico

Fase B:

  •  6,0 gr di Olio di riso
  •  1,5 gr di Olio di Mandorle dolci
  •  2,5 gr di Metilglucosio Sesquistearato
  •  1,5 gr di Alcool Cetilstearilico

Fase C:

  •  0,5 gr di Olio di Canapa
  •  3,0 gr di Pantenolo-D
  •  2,0 gr di Bisabololo
  •  0,8 gr di Tocoferolo
  •  0,8 gr di Cosgard (conservante)
  •  0,4 gr di OE = 2 gocce di ogni olio Camomilla romana,
  •  Arancio dolce, Lavanda, Geranio, Rosa di maggio, Cannella

Procedimento:
  • Mettete nel becker grande la glicerina e disperdere la xantana  miscelando con una spatolina. 
  • Unite l'acqua e, miscelando,  lasciate che si formi il gel. 
  • Aggiungete ora l'acido malico, mescolare, poi unite il caolino e mescolate a mano la fase A per poi passare al Mixer. 
  • In un secondo becker, più piccolo, mettete gli oli della fase B e gli emulsionanti e scaldate a 65° nel microonde per mezzo minuto.  
  • Scaldate anche la fase A e quando entrambe le due fasi raggiungono la stessa temperatura preparatevi ad emulsionare versando la fase B (gli oli) nella fase A (acquosa).
  • Miscelate il composto con il Mixer per 3 minuti circa amalgamando molto bene e continuate finchè la crema non raggiunge una temperatura bassa, sotto i 40°.
  • Quando la miscela è fredda unite uno ad uno gli ingredienti della fase C miscelando dopo ogni inserimento, terminate infine con la misurazione del PH  lasciandolo a 4.8 - 5.0
  • Versate in un vasetto sterilizzato e conservate. 


domenica 10 novembre 2013

SAPONE ALL'ALOE VERA

Mentre scrivevo la formula e la preparazione della ricetta del sapone all'Aloe Vera, ho pensato di spiegare passo passo come inserire il chelante, in modo da farvi comprendere meglio i passaggi usando un esempio pratico.

Nota: Se non lo volete mettere, basta non inserire nella formula le due dosi per fare i citrato di sodio. 

In questa ricetta prepareremo il sapone aggiungendo alla formula il Citrato di sodio (chelante-sequestrante) che faremo noi con l'acido citrico, neutralizzato dall'idrossido di sodio. In pratica il chelante ha la funzione di legare i metalli pesanti presenti nella miscela, è antiossidante per i grassi all'interno della formula, aumenta la durezza del sapone, fa precipitare le piccolissime particelle di soda caustica che restano libere e potrebbero irritare la pelle. 

Come fare il Citrato di Sodio 
E' più semplice di quanto immaginiate. 
Iniziamo a fare il Citrato di Sodio, che non è altro che sale di sodio dell'acido citrico, unendo acido citrico +  idrossido di sodio:  
  • L'Acido Citrico si quantifica in base al peso dei grassi della formula: calcolate il 2% del peso totale dei grassi. In questo caso sommeremo il peso dell'olio d'oliva e l'olio di cocco (totale 600 gr) e calcoleremo il 2% :  600  x  2 : 100 = 12 gr di Acido Citrico per fare il citrato di sodio
  • L'Idrossido di sodio neutralizzante per fare il citrato di sodio si quantifica in base al peso dell'acido citrico ottenuto precedentemente: calcolate 0,6 gr. per ogni grammo di acido citrico:  0,6 x 12 = 7,2 gr. di idrossido di sodio per fare il citrato di sodio

Prima di preparare la miscela di saponificazione, mettete nell'acqua della formula la dose di acido citrico e subito dopo la dose di idrossido di sodio e aspettate qualche secondo che le due sostanze reagiscano tra di loro. Avete preparato la soluzione con Citrato di Sodio. Ora potete procedere a mettere la dose di idrossido di sodio che prevede la formula di saponificazione e tutto gli altri ingredienti come fate solitamente. 
Questa preparazione iniziale è valida per tutte le ricette al quale vogliamo aggiungere un chelante.


Metodo tutto a freddo senza fuoco.
Dose per 925,7 gr di sapone
68 Iodio / INS 146  - 8% sconto soda

Ingredienti:

  •  450 gr. di Olio di Oliva
  •  150 gr. di Olio di Cocco
  • 81,5 gr. di Idrossido di Sodio (dose per la saponificazione)

  •    90 gr. di Acqua demineralizzata
  •   12  gr. di Acido Citrico (dose per fare il citrato di sodio)
  •   7,2 gr. di Idrossido di Sodio (dose per fare il citrato di sodio)

  •  135 gr. di Gel di Aloe Vera (autoprodotto o dalla pianta fresca)
  •   1/2 cucchiaino di amido di mais
  •    10 gr. di olio essenziale a scelta

 Preparazione:
  1. Mettete l'acqua in un contenitore di plastica capiente e versate la dose di acido citrico 12 g., unite subito dopo la dose di idrossido di sodio 7,2 gr. e aspettate qualche secondo affichè le due sostanze reagiscano tra di loro. 
  2. Iniziate ora a lavorare il sapone come avete sempre fatto. Aggiungete la dose di idrossido di sodio per la saponificazione 81,5 gr. e mescolate fin quando non si scioglie. 
  3. Unite l'olio di oliva e mescolate a mano la miscela. 
  4. Aggiungete il gel di aloe vera e mescolate ancora a mano il composto. 
  5. Unite ora l'olio di cocco e continuate a miscelate a mano. 
  6. Mettete ora l'amido di mais stemperato con l'olio essenziale e terminate frullando con il minipiner finchè la miscela non si rassoda e raggiunge il nastro. 
  7. Versate il sapone nello stampo, in silicone o di legno, chiudetelo con una pellicola trasparente e coprite lo stampo con una coperta lasciandolo fermo per 24-48 ore. 
  8. Trascorso il tempo di riposo, togliete il sapone solidificato dallo stampo, tagliatelo in porzioni e lasciatelo maturare in luogo asciutto e areato per 4-5 settimane. 

SPERO VI PIACCIA PERCHE' E' N OTTIMO SAPONE!!



SAPONE LIQUIDO PER LAVATRICE......Olè!!

Un anno fa, girando per il web, trovai un'intraprendente signora che spiegava come auto-produrre il sapone liquido per lavatrice e risparmiare sull'acquisto dei soliti detersivi, ma oltretutto ottenere risultati sorprendenti da questo prodotto finito. A differenza delle altre ricette che si vedono nei vari siti, anch'esse apprezzabili, questa formula è diversa dalle altre, sia nella preparazione che nella resa. 
La vostra biancheria sarà lavata in modo naturale, sbiancata e ammorbidita e in più avrete sapone liquido per mesi e mesi spendendo in tutto circa 3 euro.......che vogliamo di più dalla vita? 

Per iniziare procuratevi un contenitore di plastica molto capiente, anche un secchio alto, perchè dovrete lavorare 16 litri di liquido. Poi cercate un posto appartato dove conservare il sapone nel periodo di maturazione, 4-5 settimane, e per finire non gettare più l'olio usato di oliva o di semi delle fritture e i vecchi contenitori di plastica per conservare il detersivo liquido.


Ingredienti:
  •     5 lt di Acqua demineralizzata + 7,5 lt 
  •     1 lt di Olio (di oliva o di semi)
  • 375 gr di Percarbonato di sodio (al supermercato in barattoli)
  • 250 gr di Soda Caustica 
  •  1,5 lt  di Sapone liquido per lavatrice
  •  1,5 lt  di Ammorbidente 


Preparazione:
  1. Mettete 5 lt di acqua tiepida in un grande contenitore di plastica o secchio alto (che possa contenere almeno 16 lt di liquido). 
  2. Pesate la soda caustica e versatela nell'acqua mescolando con un mestolo o bastone di legno. 
  3. Mentre continuate sempre a mescolare in senso circolare, aggiungete lentamente l'olio e continuate a girare. 
  4. Unite il sapone liquido e mescolate bene, poi l'ammorbidente e mescolate ancora e infine il percabonato di sodio senza smettere di mescolare. 
  5. Lasciate riposare il liquido per 24 ore, girando di tanto in tanto, e vedrete come cambia colore e consistenza.
  6. Trascorse 24 ore aggiungete la restante acqua 7,5 lt mescolate bene e lasciate maturare il sapone in un luogo appartato per 4-5 settimane, usando sempre con il mestolo di legno per girate la miscela 2-3 volte al giorno.
  7. Trascorso questo periodo di tempo vedrete che il sapone liquido sarà sbiancato e avrà assunto una consistenza cremosa. 
  8. E' pronto per essere travasato in contenitori e conservato per poi usarlo come un normale detersivo liquido per lavatrice.  

BUON BUCATO A TUTTI !! 

sabato 9 novembre 2013

MIA NONNA? ...... ERA ORA ! !

Questa mattina pensavo, riavvolgendo il nastro di tutto ciò che ho imparato in questi ultimi anni sull'auto produzione, a quanto e come ho risparmiare nel tempo per me e la mia famiglia.

Tempi duri, nessuno può negarlo, chi più chi meno cerca la sobrietà ovunque o tanto meno si organizza a ottimizzare le proprie risorse. Infatti, la scelta dei discount o le offerte promozionali sono sempre più inevitabili punti di riferimento. Addio alle spese pazze, addio alla caccia del plus ultra o la primizia, l’era dei cambiamenti ha modificato le nostre vecchie abitudini.

Vecchie abitudini? Diciamo che mi sento vicina a mia nonna più di quanto avrei immaginato e a pensarci bene sto in gran parte comportandomi come lei ai suoi tempi. Anche se abito in un’altra era e mi distinguo per le varie evoluzioni, sono slittata a ritroso di interi decenni riprendendo in considerazione, volente o nolente, l’antico tenore di vita di mia nonna.

Senza fare soste o rimembranze nostalgiche ho raccolto  parecchi dati e ho visto che, quando mi impegno, posso dare il meglio di me con idee brillanti. Inutile aggiungere scuse banali al progetto di cambiamento come: Non ho tempo, lavoro tutto il giorno, non trovo le materie prime, chissà chi le vende; non sono capace, non sono portata; non cambia nulla, tanto trovo a poco quel che mi serve…..etc etc…..
No e no, basta scuse, è ora di riprendere in considerazioni nuove fonti e nuove direzioni.


Cara nonna, chi l’avrebbe mai detto che era ora..? L'ora che capissi che: "Quando facevi il sapone non era tanto per fare la tirchia; quando piantavi le erbe aromatiche e i pomodorini sul terrazzo non era per la pigrizia di andare al mercato; e quando facevi il pane o il latte di mandorle o il formaggio e la ricotta, le marmellate, le caramelle, gli unguenti per il corpo, non eri in combutta con i commercianti del quartiere". 
Risparmiavi per la famiglia, eri più consapevole di me ad auto-produrre manufatti naturali e......siccome in qualche misterioso modo mi hai trasmesso la passione del "fai da te", non dimenticherò mai il tuo sorriso decisamente amoroso fuso in armonia con la frizzante luce dei tuoi splendidi occhi.


sabato 2 novembre 2013

ACQUA PROFUMATA IDRATANTE corpo e capelli

Una setosa acqua idratante per il corpo che ammorbidisce e districa i capelli, chi non la vorrebbe?
Senza alcool e profumata con la nostra fragranza preferita, quest'acqua lenisce e idrata il corpo rendendo al tempo stesso i capelli morbidi e lucidi.
Gli ingredienti semplici ma efficaci sono i protagonisti di quest'acqua profumata da usare dopo il bagno o durante la giornata, per avvolgerci in una morbida nuvola di morbido piacere.


Dose per 200 gr di acqua profumata idratante

Ingredienti:

  • 170,0 gr di Acqua demineralizzata
  •   10,0 gr di Gel di Aloe Vera (vedi ricetta per auto-produrlo)  
  •   12,0 gr di Fragranza (io ho scelto Baby Love di Camelis)
  •     2,8 gr di Proteine della Seta idrolizzate
  •     4,0 gr di Inulina 90% F.U.
  •     1,2 gr di Cosgard (conservante)
  •        4 gocce di colorante alimentare rosso

Procedimento:
  1. Versate l'acqua in un becher e fate sciogliere l'inulina mescolando. 
  2. Unite all'acqua il gel di aloe e le proteine della seta, mescolate bene. 
  3. Aggiungete la fragranza e il conservante, mescolate bene e mettete in un flacone con spruzzino. 

Inulina: L'inulina è un polisaccaride naturale la cui unità monomerica è costituita da fruttosio.
Viene usata con successo anche nell'alimentazione. E' un ottimo idratante e condizionante naturale per i capelli.

Proteine della seta idrolizzate: Idratanti per il corpo e con ottime proprietà protettive/ristrutturanti per i capelli danneggiati (es. colorati, con permanenti, etc.)

COME FARE IL GEL DI ALOE VERA

L'Aloe è un vero miracolo della natura!!

Generosa di minerali (soprattutto manganese, rame, selenio), importanti agenti antiossidanti e antinvecchiamento cellulare, aminoacidi e vitamine (in particolare E,C,B2,B6), è un potente rimedio per combattere i danni provocati dai radicali liberi. 

L'aloe stimola la riparazione del tessuto epiteliale ed è ottima per chi ha la psoriasi.
Ma di funzioni ne ha veramente tante, tra le quali svolgere una significativa azione antinfiammatoria, cicatrizzante e antidolorifera. Ha inoltre proprietà antibatteriche e antifungine, ottima per la salute della pelle e il nostro l'organismo intero. 

Possiamo produrla direttamente a casa e in quantità illimitata, senza spendere tanti soldi, e come potrete veder è anche facile da fare. 
Il metodo che vi mostrerò per auto-produrre il nostro gel di aloe è con aloe vera liofilizzata in polvere (facilmente reperibile anche da Camelis) ed è formulato per una dose di 200 gr di freschissimo e cristallino gel dai molteplici usi. 

Insomma, da come avrete capito, il gel di aloe non dovrebbe mai mancare in famiglia!! 

Dose per 200 gr di Gel di Aloe - rapporto 200:1

Ingredienti:

  • 189,8 gr di Acqua demineralizzata
  •     1,0 gr di Aloe vera liofilizzata in polvere
  •     6,0 gr di Glicerina vegetale
  •     2,0 gr di Xantana trasparente
  •     1,2 gr di Cosgard (conservante)

Procedimento:
  1. Versate la glicerina nel becher e disperdete la xantana miscelando.  
  2. Aggiungete poco per volta l'acqua a temperatura ambiente e continuate a miscelare il composto. 
  3. Dopo aver gelificato l'acqua aggiungete l'aloe in polvere, miscelate e unite il conservante. 
  4. Lasciate riposare per qualche ora affinchè si sciolgano bene tutti gli ingredienti e infine conservate in un contenitore sterile. 


 



TORTA COCCO E CIOCCOLATO

Ogni tanto ho voglia di qualcosa di dolce....e non capita spesso, fortunatamente!! Non so a voi...
Poi, in queste giornate pre-invernali una bella sferzata di energia non guasta mai, anche per ricordare l'estate e continuare a sentire quella dolce atmosfera soleggiata, inebriata di profumi e luci che all'umore fa un gran bene. Del cocco non si butta niente, neppure il guscio (si possono usare come mini vasetti per piccole piantine o portatutto etc...) e che sia fresco o secco ci possiamo fare tantissime cose, quindi oggi ci facciamo una bella torta con con gocce di cioccolato fondente. 
Per questo genere di impasto non uso mai la bilancia, preferisco misurare con i bicchierini di plastica (quelli classici bianchi usa e getta ).....provate anche voi a fare così.
E' una ricetta semplice e facile da preparare, si fa in meno di 30 minuti e si mangia anche in meno di 10!!!


Ingredienti:

  • 2 bicchierini di farina bianca 00
  • 2 bicchierini di farina di Cocco
  • 1-1/2  bicchierini scarsi di zucchero (anche 2 se vi piace dolce dolce)
  • 1 bicchierino di olio di semi di mais
  • 3 uova intere
  • 1-1/2 bicchierino di latte (regolate la densità se serve)

  • 1 bustina di gocce di cioccolato fondente
  • 1 fialetta di aroma alla vaniglia
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • scorzetta di limone grattugiata



Preparazione:
  1. Mettete in una ciotola la farina, il cocco, lo zucchero, l'olio, le uova. Mescolate l'impasto. 
  2. Aggiungete al composto il latte regolando la densità, se necessario (più o meno latte)
  3. Unite gli altri ingredienti: le gocce di cioccolato, un pizzico di sale, la scorzetta del limone grattugiata e il lievito in polvere per dolci.Mescolate bene.  
  4. Imburrate e infarinate uno stampo e stendete dentro il composto. 
  5. Mettete nel forno preriscaldato a 180° e cuocete per circa 30 minuti. Facilissimoo!! E per oggi anche il dolce è servito!!