Benessere

Sarebbe un controsenso autoprodurre saponi, farsi cosmetici ecobio, usare l'aromoterapia etc... se poi non pensiamo al benessere interiore. La nostra alimentazione composta da acqua e cibi solidi sono la chiave del benessere fisico e spesso, anzi più di quanto si creda, viene sottovalutata. Non vi nego che sono stata anch'io trasportata dal consumismo alimentare e se mi guardo allo specchio si nota benissimo dove sono finiti  gli  eccessi di scorie in sovrappiù che non avrei dovuto ingerire. Non è facile cambiare le abitudini di una vita ma non è neppure impossibile trasformarsi in esseri consapevoli di ciò che abbiamo fatto e di ciò che faremo.   Capovolgendo drasticamente i comportamenti abituali ho iniziato a vedere le cose in modo diverso prendendo coscienza che dovevo, sì dovevo per me stessa, autoprodurre il mio benessere.  
I cibi raffinati e trasformati facevano da sovrani nella mia dispensa, insieme alle loro incognite di cosa contengono e cosa depositano nell'organismo. 
Davo per scontato il pallido bicchiere d'acqua sulla tavola apparecchiata, senza tener conto di quanta sporcizia inquinante bevevo allegramente tra un pasto e un fuori pasto, sottovalutavo "che siamo e diventiamo quel  che beviamo e mangiamo". 
Aria, acqua e cibo...tre elementi indispensabili per la nostra sopravvivenza. 
L'acqua, in barba a quel che mi arriva nel rubinetto, la purifico rendendola oligominerale (cioè a basso contenuto di sostanze minerali e quant'altro essa contenga) utilizzando un sistema ad osmosi inversa elimino tutte le particelle in sospensione, il cloro, gli inquinanti e i veleni. Con una conducibilità bassa e un altrettanto residuo fisso basso, ho acqua non depositante che depura l'organismo, insomma faccio fare il suo vero lavoro all'acqua. AQUABIO
Con rimedi naturale riequilibrio l'organismo dai depositi accumulati in questi anni e prevengo i futuri insediamenti, ahimè per alcuni casi inevitabili, ma in ogni modo io ci sono e sono pronta con gli antidoti giusti. 
Cibo più naturale e meno raffinato sono il cappello di questa piramide in crescita nella mia vita che spero sia in qualche modo di aiuto a chi vuole rendersi conto e modificare il suo abituale stato di benessere psico-fisico    perchè non è solo un detto "mente sana in corpo sano", è uno stile di vita mirato e consapevole che se stiamo bene dentro stiamo bene anche fuori, con noi stessi e con gli altri.

Clicca sull'immagine per ingrandire

CROMOTERAPIA

CRISTALLOTERAPIA


Terapia del calore


Osservando una persona la prima cosa che guardiamo è "l'insieme energetico" che emana (chiamato dagli orientali Shen): la coordinazione dei movimenti, la parola sicura, la prontezza dei riflessi, lo sguardo diretto, la brillantezza degli occhi, il respiro regolare, tutti elementi che testimoniano una buona energia di base. 
Nei reni depositiamo la nostra energia, sia fisica che mentale e quando i reni sono scarichi ci sentiamo stanchi, con poca volontà, facilmente depressi. 

Questo semplicissimo rimedio è utile più di quanto possiate immaginare per invertire lo stato di astenia. 
Con la terapia del caldo secco ti sentirai più carico di energia e ne scoprirai i benefici fin dalla prima applicazione e con il passare del tempo. 





Terapia dei fanghi




Alimenti: Curcuma

CHI TROVA LA CURCUMA....TROVA UN TESORO !!

La curcuma è un adattogeno, una pianta che regola il sistema immunitario ed endocrino. E ' antisettico, epatoprotettiva, rinvigorisce il sangue e aiuta a prevenire o curare le infezioni. Considerato come una panacea in Ayurveda, la curcuma è ampiamente usata nel cibo curativo, nelle medicine e per la cura della pelle.
La curcuma è anche antinfiammatoria, antiossidante, antibatterico e antispasmodico. Riduce il colesterolo. Se vi tagliate mentre cucinate, ferma il sanguinamento (anche se ingiallisce per un po’ la pelle). E ancora altre qualità, è nutriente, abbassa lo zucchero nel sangue, protegge il fegato, aiuta a stimolare la bile ed è carminativo, permettendo una migliore digestione. Non c'è da stupirsi che la curcuma viene considerata una pianta panacea! Un tesoro d’oro per il nostro organismo.

Per utilizzare la curcuma è sufficiente riuscire ad integrarla nella nostra dieta quotidiana. Ad esempio un paio di cucchiaini da caffè al giorno sono la dose ideale; si può aggiungere a fine cottura di molti alimenti ma ancha aggiungere a yogurt o farne una salsa. E' importate ricordare che la curcuma va assunta insieme al pepe nero o a tè verde per facilitarne l'assorbimento oppure abbinata a qualche grasso tipo olio d'oliva o burro.
La curcumina è il principale componente che la caratterizza gli altri componente sono potassio, vitamina C e per 26% è composta da amido.

L'olio di curcuma, fatto in casa, può essere impiegato per sostituire l'olio d'oliva in tutti i suoi usi apportando benefici al metabolismo del fegato e dei grassi in generale.

Ingredienti per 50 cl. di olio di curcuma:
50 cl. di olio extravergine di oliva
3 cucchiai di curcuma in polvere.
Mettete l'olio e la curcuma in un barattolo a chiusura ermetica e mescolate bene fino alla completa miscelazione dei due ingredienti. Lasciate macerare il tutto ricordandosi di agitare il contenitore una volta al giorno.
Dopo sette giorni, senza agitare il barattolo, travasate il tutto in una bottiglia di vetro evitando di far scendere la curcuma depositata sul fondo.
Quest'olio, ha un notevole potere antiossidante ed è chiamato "Olio della Giovinezza".




Alimenti: Tulsi 


In tutta l'India, il Tulsi è considerato “La regina delle erbe”,  ed è venerato come una pianta sacra che infonde poteri di guarigione. Tradizionalmente coltivata in un vaso di terracotta in tutte le case delle famiglie o in giardino, il Tulsi (noto anche come Santo Basilico, una delle cento varietà di questa pianta), apporta un delizioso tè rinfrescante che possiede meravigliosi vantaggi per la salute.

Il Tulsi è molto ricco di antiossidanti ed altri elementi nutrizionali, è in grado di ridurre lo stress, attenuare i processi infiammatori, controllare i livelli di colesterolo nel sangue, eliminare le tossine e favorire i processi depurativi. Protegge dalle radiazioni, previene le ulcere gastriche, abbassa la febbre, aiuta la digestione.

Il Tulsi è inoltre di supporto alla salute e alla corretta funzionalità cardiaca, delle vene, del fegato e dei polmoni, è un ottimo rimedio per regolare la pressione sanguigna e controllare gli zuccheri nel sangue.
Come l’Ayurveda ci insegna, il benessere e l’equilibrio non arrivano solo da un fattore fisico, al contrario toccano contemporaneamente 3 campi: corpo-mente-spirito. 




Alimenti: Zenzero


Lo zenzero viene utilizzato per scopi terapeutici in vari modi: da lungo tempo si conoscono le sue proprietà per combattere gli stati di nausea e vomito; il tè ottenuto da questa pianta è invece in grado di prevenire e curare il raffreddore. Oltre a rilasciare un effetto di calore e benessere lo zenzero è anche in grado di sciogliere il muco nelle vie respiratorie e a liberare i bronchi, facilitando così la respirazione. 

In cucina lo zenzero viene usato non solo per insaporire le pietanze, ma anche per renderle più digeribili dal nostro organismo. Recenti studi hanno dimostrato che l'assunzione di zenzero è un grado di apportare benefici ai dolori muscolari derivanti da attività sportiva o lavorativa. Non solo, pare che questi benefici lenitivi del dolore si estendano anche all'apparato digerente. Molti dei suoi effetti sono attribuiti al gingerolo, l'olio essenziale derivato dalla radice. 

Lo zenzero è composto dal 78% circa di acqua, dal 16% da carboidrati, 2% proteine, 1,6% zuccheri, 2% fibre alimentari e ceneri. Tra i minerali presenti troviamo: calcio, fosforo, sodio, potassio, magnesio, ferro, manganese, zinco e rame. 

Le vitamine presenti nello zenzero: B1, B2, B3, B5, B6, vitamina C, vitamina E e vitamina J. Sul fronte degli aminoacidi: alanina, arginina e cistina, acido glutammico e acido aspartico, prolina, serina, lesina, glicina e tirosina. 

La dose consigliata per il nostro benessere varia dai 10 ai 30 grammi al giorno, a seconda dei propri gusti lo zenzero può essere utilizzato crudo, in polvere, in tisane, essiccate e in succo. 

Tisana antinfluenzale:
Un rimedio per prevenire l'influenza è una semplice tisana. In una tazza d'acqua mettete alcune fette di radice di zenzero e fate bollire il tutto per una decina di minuti, dopodichè filtrate e zuccherate, preferibilmente con miele. 



Alimenti: Sesamo


Le proprietà e i benefici del sesamo sono numerose e non si esauriscono nel campo alimentare ma si estendono anche in quello farmaceutico, cosmetologico ed erboristico. 
Ricco di calcio, zinco, fosforo, potassio, selenio, magnesio, vitamina T e J, il sesamo rappresenta un ottimo ricostituente per il nostro organismo. 

Per quanto riguarda le vitamine sono presenti quelle del gruppo B (B1, B2, B3, B5, B6) e in modica quantità vitamina A. 
Rafforza il sistema immunitario, soprattutto nei periodi di affaticamento e riequilibra le funzioni dell'organismo in caso di mal di testa, nausea e vomito. 
Nei semi di sesamo sono presenti acido oleico e linoleico (omega 3), due sostanze protettive per il cuore e il sistema cardiocircolatorio. 

Nell'alimentazione il sesamo viene trasformato in olio oppure vengono utilizzati direttamente i semi, entrambi ottimi integratore per una sana alimentazione.  





Nessun commento:

Posta un commento